Poesia n. 9 di Davide Mastrocinque

ti presterò la mia attenzione
sperando che tu me la renda indietro
ma se pur golosa non c’è passione
che al disgusto del troppo miele
non preferisca assaggiare del vetro
un segreto nulla chiede
se non fuggire la luce del sole
ma la sua prole germoglia
per presentarsi un giorno buio sulla soglia
e rivelarsi agli occhi chiari
fiera di ricordarti
di amarmi senza risparmiarti
finché noia non ci separi

Annunci

Poesie di Davide Mastrocinque 3

POESIA N. 8

mi si schiude un sorriso,
incatenato nel tuo dolce calore profumato
sono un portatore sano di sogni putrefatti
non ci sarà una prima volta
siamo sconvolti e in bilico su confini opposti
non so vivere senza uccidere i miei giorni d’oro liquido
disprezza il perdono chi ama affondare
per cui colombe sporche di solitudine
fragilmente pregano
esperti di facili appigli
per un ideale scarno e non troppo morboso
che sappia anestetizzare le pause di riflessione,
lo scorrere del tempo, i saluti veloci,
le possibilità concrete.

VITTIME

guardo a quei giorni
come a fantasmi di marmo morbido
vestiti di dolce nulla
nella culla delle tue labbra invernali
fragili lettere d’amore
scritte con i miei respiri sui tuoi capelli
si perderanno prima di nascere
vittime del vento

Poesie di Davide Mastrocinque

POESIA N. 7

marea itterica,
specialmente condannati
trascinammo le dita ubriache di salsedine
sulla rena bianca, per danzare l’ultima volta
in compagnia della pallida tristezza lunare
circoscrivendo il nostro corpo
al di là della nostra pelle
fino a non sentire più la gravità
la punta del pennello si spalmerà sul circondario
mischiando i colori di tutto ciò che lo compone
per poi sciacquarsi nell’abisso
e renderlo felicemente acceso di mille colori impuri…

 

CIGNI

strascicando parole al vento
strisciando come raggi di sole sul cemento
inorgogliti dalla nostra dolce ignoranza
bocciati dai parametri umani sorridiamo con gli occhi
cucendo le nostre bocche fra di loro
bevendoci le parole a vicenda
innamorandoci della lontananza
gli sguardi dei cigni non troveranno riposo sul manto dei corvi.

Poesie di Davide Mastrocinque2

POESIA N. 5

i postumi di una città ubriaca

il buio mi accoglie nel suo grembo

per partorirmi con dolore ogni mattina

non insegnateci nulla

preferiamo rimanere abbracciati

alle soffici correnti d’aria della sera

cimitero cerebrale

i miei occhi ora si aprono come ali di un angelo deluso

 

POESIA N. 6

neoplasie di sogni

mangiano avide la realtà

mentre crampi di lucidità

mi tengono sveglio

e vorrei andare…

non più odore di infanzia

protezione incondizionata d’innocenza

ma un sole di pesante concretezza

grava con i suoi raggi sulla pelle

bagnando di realismo le strette di mano

ma è un minuto sprecato, perso per sempre…