Poesie di Davide Mastrocinque 3


POESIA N. 8

mi si schiude un sorriso,
incatenato nel tuo dolce calore profumato
sono un portatore sano di sogni putrefatti
non ci sarà una prima volta
siamo sconvolti e in bilico su confini opposti
non so vivere senza uccidere i miei giorni d’oro liquido
disprezza il perdono chi ama affondare
per cui colombe sporche di solitudine
fragilmente pregano
esperti di facili appigli
per un ideale scarno e non troppo morboso
che sappia anestetizzare le pause di riflessione,
lo scorrere del tempo, i saluti veloci,
le possibilità concrete.

VITTIME

guardo a quei giorni
come a fantasmi di marmo morbido
vestiti di dolce nulla
nella culla delle tue labbra invernali
fragili lettere d’amore
scritte con i miei respiri sui tuoi capelli
si perderanno prima di nascere
vittime del vento

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...